.
Annunci online

  ilsibillino cultura - informazione - ambiente
 
Diario
 


[Valid RSS] Condividi


14 gennaio 2012

AQUILA REALE FERITA DA BRACCONIERE: PD, ATTO INCIVILE

 
(ANSA) - ANCONA, 13 GEN - Commentando il ferimento di un'aquila reale da parte di un bracconiere sui monti Sibillini, il coordinatore nazionale Ambiente del Pd Giovanni Lattanzi ha dichiarato: 'Adesso chi ha sparato esca allo scoperto e si costituisca, e' un atto incivile e grave e chiedo che le forze dell'ordine aprano subito un'indagine e mettano tutte le forze per trovare i colpevoli'.
'Quello che è accaduto e' un fatto gravissimo che condanniamo - ha aggiunto - vogliamo che i colpevoli paghino per crimine verso l'ambiente. Il Corpo Forestale dello Stato fa egregiamente il suo lavoro ma serve anche una forza di operatori del Parco nazionale dei Sibillini che abbia la possibilita' di coadiuvarne il lavoro nel controllo e soprattutto nella prevenzione del bracconaggio e spero che il Ministero dell'Ambiente condivida'. 'Chiedo inoltre alle associazioni venatorie, che sono sicuro condanneranno l'episodio, che si adoperino per avviare campagne di prevenzione . Il bracconaggio e' dei codardi - ha concluso Lattanzi - spero che chi ha sparato paghi per il danno che ha fatto all'aquila e a tutto il nostro territorio'. (ANSA).

 


2 ottobre 2010

I SIBILLINI


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. SIBILLINI

permalink | inviato da ilsibillino il 2/10/2010 alle 14:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


4 settembre 2010

Nasce la Sezione ANPI, dell’Alto Nera, “Pietro Capuzi” M.O. valor militare

  

Intitolata al partigiano Pietro Capuzi medaglia d’oro al valor militare alla memoria, barbaramente torturato e poi ucciso dai nazifascisti il 9 Maggio del 1944 in località Vena d’Oro di Ussita, è stata presentata la Sezione di Visso-Ussita-Castelsantangelo sul Nera dell’Associazione Partigiani d’Italia nel Teatro Comunale di Visso, davanti ad un numeroso pubblico, alla presenza del Presidente  Provinciale Giulio Pantanetti e di quello Camerino Mario Mosciatti e di Matteo Petracci autore del libro sull’opposizione dei maceratesi al fascismo.

In precedenza gli iscritti avevano nominato i dirigenti locali presentati alla riunione pubblica: Antonio Capuzi, figlio dell’eroe Pietro, Presidente Onorario, Giulio Lattanzi, Presidente, Vice Presidenti Venanzina Capuzi e Roberto Flammini, componenti il Comitato Paolo Cioli, Camilla Fabi, Marco Rinaldi.

All’incontro al Teatro Comunale di Visso oltre all’affermazione dei valori della Resistenza e della Costituzione per ritornare ad un convivere civile, si sono programmate le prossime iniziative storico – politiche della Sezione dell’Anpi che coinvolgeranno le popolazioni, i residenti, i giovani dell’alto Nera.  

Visso 4 settembre 2010

 


3 luglio 2010

MANOVRA: PD, PARCO SIBILLINI RISCHIA LA CHIUSURA

MANOVRA: PD, PARCO SIBILLINI RISCHIA LA CHIUSURA (ANSA) - VISSO (MACERATA), 3 LUG - Con il taglio del 50% dei fondi destinati ai parchi previsto dalla manovra del Governo il Parco dei Sibillini e' destinato a chiudere. Lo afferma il coordinatore nazionale del Dipartimento Ambiente del PD Giovanni Lattanzi, che ha incontrato il presidente del Parco dei Sibillini Massimo Marcaccio.
'Quella del Governo - dice Lattanzi - e' una scelta miope.
I parchi rappresentano un patrimonio inestimabile e sono anche una risorsa per l'economia, l'agricoltura e il turismo'. Al Senato il PD aveva presentato emendamenti per escludere i parchi dalla riduzione dei fondi, 'ma la maggioranza li ha respinti senza tener conto delle motivazioni'. Di qui l'appello di Lattanzi a tutti i rappresentanti marchigiani in Parlamento e in Regione, agli amministratori locali, le associazioni e i partiti perche' si adoperino per fermare questo 'scempio'.(ANSA).


30 giugno 2010

100% TASSO DI NATALITA' DEI CAMSCI NEI SIBILLINI

Tasso di natalità dei camosci appenninici al 100% nel Parco dei Monti Sibillini, grazie a 5 nuove nascite

pubblicato: mercoledì 30 giugno 2010 da alessandra Quest’anno, per fortuna, dal Pollino al Gran Paradiso , passando per le Dolomiti Bellunesi e la Majella, sono molti i progetti di reintroduzione finanziati dallo strumento comunitario Life+ ad aver dato, almeno in parte, ottimi frutti e, in questi giorni, è il Parco dei Monti Sibillini, tra Marche e Umbria, ad essere proscenio di un’altra buona notizia: la nascita di 5 piccoli di camoscio appenninico nell’area del Parco! Grazie agli avvistamenti effettuati sulla base delle frequenze rimandate dagli speciali radiocollari di cui sono provvisti i camosci reinseriti a partire dal 2008 entro i confini dell’Area protetta, i ricercatori hanno potuto constatare, senza celare affatto la soddisfazione, l’ottimo tasso di natalità degli animali che sfiora il 100% grazie, soprattutto, a due femmine della specie che venivano dichiarate - evidentemente erroneamente! - troppo “in là con gli anni” per poter dare alla luce dei piccoli.. Con estrema sorpresa, invece, e un pò in ritardo rispetto alla loro età biologica, entrambi gli esemplari hanno potuto diventare madri con estrema tranquillità. Un risultato eccezionale, al di là di ogni più rosea previsione, fa sapere la comunità del Parco che, certamente, non mancherà di attirare turisti e nuovo interesse per i Monti Sibillini nonostante la chiusura prevista, fino al 31 ottobre 2010, di una parete del monte Bove a escursionisti, scalatori o semplici curiosi per tutelare i nuovi nati nel migliore dei modi possibili


5 novembre 2009

INCONTRO SULLO SVILUPPO DEI PARCHI

     

Lunedi 9 a Visso si riuniranno esponenti di varie università con un programma che possiamo dire di altissimo livello: "ITALIAN PROTECTED AREAS". Il Parco Nazionale dei Sibillini lo ospita molto felicemente, e sicuramente ci sarà una bellissima risonanza, ma non vorremmo che ci trovassimo nuovamente in momenti di discussione in cui coloro che si sentono i grandi esponenti del pensiero culturale per una nuova strategia dei parchi non siano coloro che i parchi non li vivono ma li teorizzano. Credo che gli obbiettivi dei convegni, anche internazionali, devono essere condivisi. Il programma vede esponenti di Università importanti ma non rappresentatanti degli abitanti del Parco che magari avrebbero qualcosa da dire e magari ipotizzerebbero uno sviluppo vero.  Visso vi ospiterà ma una cosa la vorrei dire...basta con le chiacchiere.
PROGRAMMA

Il Sibillino


10 ottobre 2009

SI SVOLGE NEL PARCO DEI MONTI SIBILLINI LA "TRANSAPPENNINICA 2009"

Il Trekking partito da Norcia sta toccando le principali località del Parco


 Cinque giorni per immergersi nella bellezza selvaggia dei Sibillini e ripercorrere fantastici itinerari, in una dimensione dove suggestioni spirituali, testimonianze artistiche ed eccellenze ambientali si fondono in un equilibrio armonico. La "transappenninica", il viaggio organizzato a cavallo in gruppo, nato da un'idea di Leonardo Dori e Omero Romualdi nel 1994, ha scelto la città di San Benedetto come palcoscenico per l'edizione 2009.

 L'iniziativa, che ha avuto inizio lo scorso mercoledì 7 e che si protrarrà fino a domenica prossima, conta ben 110 cavalieri partecipanti. Il trekking, con partenza di prima mattina e ritorno nel tardo pomeriggio a Norcia, toccherà diversi angoli del Parco Nazionale dei monti Sibillini e non.

 Tappe previste sono quelle di Visso, la Valle Castoriana e Sant'Eutizio, Nottoria, San Marco, i Pantani, Forca Canapine, Castelluccio, Cascia, Avendita, Ospedaletto e la Forca di Ancarano. Lo spirito degli organizzatori è quello di offrire un programma completo che tenga presente dell'assoluta assenza di competizione, della voglia di stare insieme e della passione per l'equitazione.

"Il regolamento severo, la presenza di un veterinario, di un maniscalco, di un medico e dell'assistenza tecnica - si legge in una nota degli organizzatori - permettono al gruppo di percorrere mediamente, in montagna, 40 km al giorno per tutti i giorni del viaggio, senza avere particolari problemi. Non è un caso se la Transappenninica è diventata indiscutibilmente uno dei viaggi organizzati di maggior prestigio, sia per il numero dei partecipanti che per la qualità di cavalli e cavalieri". I partecipanti, provenienti da tutta Italia, cavalcano tutti i propri cavalli, di razze e provenienze abbastanza variegate, ma con una nutrita partecipazione del puro sangue arabo.

da tuttoggi.info


7 ottobre 2009

A giorni il primo ciak del film 'L'erede'

Il film del regista Michael Zampino avrà come scenografia alcuni squarci dell'appennino marchigiano tra Sarnano e Amandola

Appennino (foto Germogli)Appennino (foto Germogli)

Sarnano, 6 ottobre 2009 - Stanno per partire le riprese de 'L'erede', film del regista Michael Zampino che avrà come sfondo la splendida scenografia dei monti Sibillini, e in particolare la zona tra Sarnano e Amandola. Il lungometraggio, infatti, parla di un medico milanese che, dopo la morte del padre, eredita un vecchio casale sugli Appennini marchigiani. La vita in questi luoghi lo porterà ad affrontare fantasmi del passato e terribili scoperte che cambieranno la sua vita.

"Ci auguriamo - ha detto l’assessore regionale alla Cultura e turismo Vittoriano Solazzi in un incontro con la stampa - che questo film ‘pioniere’ porti alla creazione di una fitta ramificazione di Uffici Cinema, cuore propulsivo e più innovativo dell’attività di Film Commission sul territorio. La presenza di produzioni cinematografiche nelle Marche sta funzionando da volano per l’occupazione e crea un indotto notevole, considerando il ritorno in termini di promozione turistica e culturale dei nostri bellissimi scenari".

Soddisfatto della collaborazione avviata con Mfc il produttore Frederic Ollier, mentre Zampino ha osservato che gli scenari naturali "hanno contribuito a potenziare la storia; il paesaggio marchigiano in questi luoghi è un mix di natura selvaggia e di dolcezza che crea un equilibrio armonico esteticamente molto funzionale in un film di questo tipo".

Il via alle riprese è previsto a breve, si parla di una decina di giorni, e ai lavori parteciperà anche  l’animal trainer Claudio Mangini, che dirigerà 20 animali tra lupi, cani, cavalli e rapaci. I suoi lupi addestrati sono i figli del famoso ‘due calzini’ di Balla coi Lupi. La pellicola del regista italo-francese è stata sceneggiata da Ugo Chiti e dallo stesso Zampino. Nel cast figurano Alessandro Roja, Guia Jelo e Tresy Taddei. Scenografie di Cinzia Lo Fazio (Angeli e Demoni).
da il Resto del Carlino macerata 


20 novembre 2008

Eolico: Bocciatura della soprintendenza per i beni culturali e paesaggistici per le Marche

           

Nei giorni scorsi è apparsa la notizia che la soprintendenza delle marche avrebbe bocciato il progetto del Parco eolico della Comunità Montana di Camerino. Ritengo incomprensibile come dopo anni di studio e di programmazione e progettazione si possa depennare una scelta condivisa. Non si può dire NO e basta si deve cercare una soluzione....



6 ottobre 2008

Conclusi, per il 2008, i rilasci di camosci appenninici nei Sibillini

 

   
Parte ora l'importante fase di monitoraggio degli animali appena reintrodotti. I rilasci riprenderanno il prossimo anno

Nei giorni scorsi si è concluso con successo il primo anno del progetto di immissione del camoscio appenninico nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini. In questa seconda fase delle operazioni – che fanno seguito a quelle iniziate il 10 settembre scorso - sono stati trasferiti dal Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, grazie ad un elicottero messo a disposizione dal Corpo Forestale dello Stato, tre femmine e due maschi; la popolazione di camoscio nei Sibillini sale, così, ad un totale di otto unità.Ora inizia la delicata fase di monitoraggio degli animali appena reintrodotti: grazie ai radiocollari di cui sono dotati tutti gli esemplari, sarà infatti possibile controllare approfonditamente i movimenti dei camosci e valutare le misure più appropriate da mettere in campo per garantire loro una appropriata tutela.Oltre ai radiocollari classici – che emettono segnali radio captati dalle antenne messe a disposizione dei ricercatori – sono stati applicati alcuni collari satellitari di ultima generazione. Il sistema GPS di questi apparecchi permette una localizzazione accurata di tre parametri: latitudine, longitudine e altitudine; sono collegati a un sistema di trasmissione che si connette ai satelliti di telefonia mobile inviando questi dati, sotto forma di SMS, alla sede del Parco. Se nella zona occupata dal camoscio non è presente la copertura della telefonia mobile, il collare provvede a immagazzinare i dati di localizzazione acquisiti in una memoria interna e a rispedirli non appena il segnale è presente. I collari sono stati impostati per effettuare le localizzazioni a intervalli di circa 7 ore in modo da seguire costantemente i movimenti degli animali, soprattutto dei maschi che si sono dimostrati molto più erratici delle femmine.Sarà molto importante monitorare gli spostamenti dei prossimi giorni visto che siamo in prossimità del periodo dell’accoppiamento: la speranza è che, già dalla prossima primavera, si possano salutare i primi cuccioli di camoscio nati, in natura, all’interno del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. In effetti, nel Parco sono già nati due piccoli camosci: si tratta dei cuccioli di Libero e Maja, la coppia che, dall’estate del 2006, vive all’interno dell’area faunistica di Bolognola dove può essere osservata facilmente da tutti gli amanti della natura.Un altro passo di uno dei progetti di reintroduzione faunistica più importanti realizzati a livello europeo è stato quindi compiuto: il camoscio appenninico, unico mammifero endemico d’Italia inserito nella Lista Rossa dell’IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura), è tornato sui Monti Sibillini dopo aver ricolonizzato la Majella e il Gran Sasso in seguito a reintroduzioni analoghe. Per garantire il successo dell’operazione è anche neccessario l’impegno di tutti, in particolare degli escursionisti e di chi frequenta la montagna, a cui si raccomanda di evitare qualsiasi interferenza con gli animali in queste prime, delicate fasi di ambientamento.
(fonte parks.it)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. nazionale parco monti sibillini camoscio

permalink | inviato da ilsibillino il 6/10/2008 alle 16:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

sfoglia     marzo       
 

 rubriche

Diario

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

METEO
CONTATTI
ECODEM
GUS
PARCO NAZIONALE MONTI SIBILLINI

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom